3° Incontro Scuola di Mondialità

Continuano gli incontri formativi della Scuola di Mondialità, sempre in modalità online. L’impossibilità di vedersi in presenza non ha fermato la voglia di formarsi e crescere insieme e, grazie all’impegno dell’équipe di animazione missionaria, il 12 dicembre si è tenuto il terzo incontro con il contributo del sacerdote salesiano don Giuseppe Cassaro, professore di Antropologia teologica presso l’Istituto Teologico “San Tommaso” di Messina, sul tema de La radice umana della crisi ecologica.

Viviamo un periodo storico in cui l’uomo sembra aver dimenticato il suo ruolo pensato da Dio nel progetto di creazione del mondo di interlocutore, custode e amministratore responsabile di quella natura che inizialmente gli era stata affidata. Più che il ruolo di custode inteso come colui che ha cura di qualcosa di prezioso, l’uomo infatti sembra ormai più un despota o un tiranno, qualcuno che usa la natura per scopi e desideri di potere. Questo è il frutto del peccato originale che ha spezzato l’equilibrio esistente nelle relazioni dell’uomo con se stesso, gli altri, la natura e Dio, tutte egualmente importanti e legate tra loro tanto che è inutile parlare di lotte ecologiste e cura dell’ambiente (in senso ampio) se non siamo capaci di curare e recuperare quelle relazioni sane che costituiscono il microcosmo in cui viviamo.

L’augurio è quello di imparare a custodire anzitutto la relazione con noi stessi e con le persone vicine a noi, secondo quell’ideale di missione da svolgere lì dove siamo, che abbiamo potuto sperimentare in maniera forte in questo anno così particolare.

L’incontro si è concluso con gli auguri speciali dell’equipe attraverso le parole di don Tonino Bello: “Gesù che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio, di coraggio”.

Auguri scomodi di Buon Natale a tutti noi.

Agata Scionti
Oratorio Salesiano Santa Chiara (Palermo)