Don Bosco in Sicilia

II primo incontro ufficiale in programma l’l Novembre ad Alì Terme- un incontro tra Santi: Don Bosco e la Beata suor Maddalena Morano, trait d’union nord-sud, sotto l’egida dell’educazione cristiana e salesiana. La fascia Jonica del messinese è in fermento per l’imminente arrivo dell’urna di Don Bosco. Una vera mobilitazione generale. I sindaci di Ali’ Terme, Giuseppe Marino e Alì Superiore, Pietro Fiumara, in prima fila nell’organizzazione dell’evento. “Don Bosco è qui – ha dichiarato la Responsabile della commissione organizzatrice, Suor Mariella Lo Turco – per rivitalizzare in noi lo slancio per la cittadinanza attiva e responsabile, per sostenerci nell’ardua e affascinante missione educativa, per rilanciare il cammino di Fede, Speranza e Carità”. La “carovana del Santo” sarà preceduta, Il 30 e il 31, da una mostra itinerante che illustrerà i tratti essenziali della spiritualità e del sistema educativo di Don Bosco, indirizzata agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, presso l ‘Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. La Fondazione dell’Istituto di Ali’ Terme risale al 25 luglio 1890. La Beata Madre Morano diede inizio a tale opera, configurata inizialmente come oratorio e attivita di catechesi. In seguito, sorgeranno i laboratori, il Collegio per l’educandato e l’istituzione scolastica, storicamente la seconda in Italia, dopo Nizza Monferrato. Una veglia preparatoria per i fedeli e l’animazione giovanile caratterizzeranno la vigilia di questo avvenimento storico. Momento centrale l’arrivo dell ‘urna in città’. Dall’ Aquila, ultima tappa dell’Italia centrale, alla lontana “Sicilia”, cominciando da Ali’ Terme. Don Bosco e la Beata in vita si erano incontrati più volte nella loro terra di origine, ora si incontrano in Sicilia accomunati dalla santità.
L’Arcivescovo Mons. Calogero La Piana, l’Ispettore dei Salesiani Don Gianni Mazzali, l’Ispettrice delle Figlie di Maria Ausiliatrice Suor Anna Razionale, le Visitatrici delle FMA Madre Chiara Cazzuola, Madre Terruggi Giuseppina, I Consigli della Famiglia Salesiana, i Sindaci di Alì Terme, Alì, Nizza, Roccalumera, Itala, Fiumedinisi, le Autorità locali, le Forze dell’Ordine, le Associazioni e le Confraternite, accoglieranno l’urna di Don Bosco in Piazza Maddalena Morano la mattina dell’l alle 10.45.
La banda cittadina- in attesa dell’arrivo dell’urna- eseguirà Giù dai colli, Salve Don Bosco santo, Campane suonate, inni cari alla tradizione salesiana, innalzati da sempre al Santo dei giovani. Padre Vincenzo d’Arrigo, Parroco di San Rocco di Ali’ Terme aprirà i saluti, seguirano i sindaci di Alì Terme e Alì.

Il corteo con l’urna si muoverà in pellegrinaggio dalla Piazza Madre Morano sino al cotiile dell’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. La Famiglia Salesiana accoglierà con devozione l’urna di Don Bosco e verrà svelata una lapide commemorativa. Alle 11 .45 seguirà una solenne celebrazione Eucaristica presieduta dall’Arcivescovo Mons. La Piana alla presenza dei ”due santi”. Previsti momenti di preghiera e di affidamento da parte dei Consigli della Famiglia Salesiana. Un mosaico in ceramica raffigurante Don Bosco, la Beata Madre Morano, attorniati dai giovani sarà inaugurato all’esterno dell’Istituto. Alle 15.30, dopo un momento di preghiera, l’urna lascerà Ali Terme alla volta di Taormina, dove troverà un’altra città in attesa festosa. Un Annullo Postale emesso dalle Poste Italiane, da apporre durante la giornata alle “cartoline celebrative”, suggellerà lo “storico incontro” e l’arrivo in Sicilia dell’urna di Don Bosco.
Paolo Buttiglieri
Addetto Stampa

 

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.