VOGLIA DI ORATORIO…

Pubblicato il Pubblicato in News, Rubrica: Vita da Oratorio

Rubrica “Vita da oratorio!” di Giulia Bruno 

Questa rubrica vorrebbe narrare la vita dei nostri oratori siciliani. Ogni 15 giorni un diverso oratorio racconterà la sua vita di tutti i giorni, descrivendo le varie attività che si svolgono, attraverso un articolo scritto da un animatore.

oratorioLa presenza dei Salesiani in Alcamo è significativa e insostituibile. Dopo varie negazioni, Domenica 5 Ottobre 1958 i Salesiani furono accolti ad Alcamo e tre indimenticabili figli di Don Bosco Don Girolamo Giardina, in qualità di Parroco, Don Giuseppe Falzone in qualità di Direttore dell’Oratorio ed il Coadiutore Antonino Miraglia, inaugurarono la tanto attesa Casa Salesiana. Superando le varie difficoltà burocratiche con pazienza, prudenza e lungimiranza, riuscirono a costruire la nuova Chiesa Parrocchiale Anime Sante e l’Oratorio Don Bosco Centro Giovanile Salesiano. Grazie al carisma dei tre fondatori attirarono, come una calamita, tanti giovani di tutta la cittadinanza alcamese. Vari i Salesiani ad oggi che hanno continuato il lavoro gioioso dei tre salesiani fondatori. Per adesso la casa di Alcamo ospita Il direttore-parroco Don Gianni Giummarra, il Delegato dell’Oratorio Don Filippo Castrovinci, Don Salvatore Mangiapane, Don Calogero Nocera, Don Lino Ruvituso Parroco della Stella Maris e Don Nicolò Giordano Economo. Memoria Storica e infaticabile servitore, è il Coadiutore Giovanni Daino. Con il passare degli anni varie sono state le attività che hanno coinvolto i giovani nell’Oratorio alcamese. Corsi di formazione, momenti di preghiera, gruppo G x G (Giovani per i Giovani), basket, calcio, pallavolo, ping pong, giornalino dell’Oratorio, riciclaggio della carta, GREST ecc…. Tutto questo in un allegro e infaticabile susseguirsi delle stagioni, degli anni, delle persone. Abbiamo imparato “l’obbedienza” a vederci passare fra le mani e fra i cuori, tanti Salesiani, tanti Santi Sacerdoti Salesiani. Ognuno di loro ci ha lasciato qualcosa, un ricordo un sorriso, una lacrima, una parola. Ma ognuno di loro è rimasto nell’anima delle nostre Vite. Le attività partite e in atto nel 2013/2014 sono tante: Piccolo coro (inaugurato l’8 Dicembre 2013 per la festa dell’Immacolata e come Don Bosco ha dato il via al primo oratorio recitando un Ave Maria; questi  bambini dai 6 anni in su, recitando l’Ave Maria al cerchio mariano e facendo un Canto per Lei, hanno ricevuto un fazzolettone colorato come segno di uniformità e di appartenenza, dando il via a questa nuova attività melodica), Savio & Laura Club (che come ogni anno prepara lavori di cucito, decoupage, pittura, per poi il ricavato donarlo alle missioni), Teatro (ogni anno si portano in scena delle commedie brillanti per portare allegria e serenità e coinvolgere più gente possibile, in più lo scorso anno è stato realizzato anche un progetto importante che ha coinvolto tanti giovani ed educatori della nostra comunità; DON BOSCO IL MUSICAL che ha riscosso un grande successo e sarà riproposto il 16 Febbraio 2014), Corso di chitarra, Calcetto, Danza, Corso di Danza Caraibica, Doposcuola ( con i 6 Volontari del Servizio Civile), GCS Charlie Chaplin, Scout, TGS, GREST. Quest’anno finalmente, dal 4 Febbraio 2014 partirà un gruppo chiamato Comunità Giovanile Spirituale, per accrescere la formazione spirituale dei giovani educatori. L’esigenza è nata dai giovani stessi, che offrendo parte della loro vita per gli altri e per amore di Don Bosco, vorrebbero fermarsi a riflettere un po’ su se stessi e formarsi spiritualmente attraverso Lectio Divina, preghiera, adorazione e tematiche varie.  Don Filippo Castrovinci (nostro delegato dell’oratorio) ha accolto la proposta molto volentieri e così si è dato il via al gruppo guidato proprio da Don Filippo. Altri tre progetti che siamo speranzosi di far partire in primavera sono: un corso di fotografia, il Cineforum e il giornalino dell’Oratorio. Ma prima siamo tutti in attesa del nuovo logo. Il CGS Charlie Chaplin ha annunciato un concorso per la realizzazione del nuovo logo dell’oratorio di Alcamo. L’iniziativa partirà il 31 Gennaio 2014 e terminerà il 30 Aprile 2014, avrà un evento su Facebook e chiunque potrà partecipare.

Cosa abbiamo imparato alla “casa di Don Bosco”? Appunto! Il sentirci a casa! Si cerca sempre di lavorare per e con i ragazzi, di fare gruppo, comunione, di far uscire una bella melodia come gli strumenti di una grande orchestra, facendo si che i giovani conoscano e amino il carisma e la spiritualità di Don Bosco. E siccome la santità consiste nello stare molto allegri, ma anche compiere i nostri doveri; allora noi educatori dobbiamo accogliere i giovani con il sorriso, amando ognuno di loro, amandoli tutti e ciascuno. Sappiamo che non basta. Occorre non solo amarli ma che loro capiscano di essere amati. Abbiamo un compito: SALVARE ANIME. La nostra speranza è che ciascun ragazzo che passi dall’ oratorio possa innamorarsi di Don Bosco, di Maria e di Gesù Cristo e possa dire ogni giorno, “come ho fatto io fin dal primo momento che ho messo piede in oratorio ad oggi”: “Mamma ho voglia di ORATORIO……”

Il nostro impegno e la nostra promessa è che fin l’ultimo nostro respiro sarà per loro. TUTTO PER LA MAGGIOR GLORIA DI DIO E LA SALVEZZA DELLE ANIME!

 


Katia Renda

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.